UE regione puglia teatro publico cart italian english
mid-vieta

Cerca l'evento

Waiting for Primavera

vedi tutti

| Progtagonisti

  • yellowUnità C1
    Video
  • purpleCompagnia 3Mondo Teatro
    Performance
  • blueBarbara Duden
    Lezioni sui diritti
  • greenMatanicola
    Show
  • pinkPio Marconi
    Lezioni sui diritti
  • orangeCentro Interculturale
    Ethnic Hour
  • redAmnesty International
    Meetings

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti su eventi e protagonisti

Video gallery

video-categ

Diritti al cuore. Preludio alla Primavera dei Diritti

Nelle piazze dei vari paesi saranno presentate sette nuove creazioni delle compagnie in Residenza per il Progetto Teatri Abitati. Le compagnie hanno lavorato intorno a temi diversi in difesa dei diritti umani e presentano non solo spettacoli teatrali ma azioni urbane diverse fra musica, danza, cabarete e laboratori didattici.

Kubs, Storia di cooperazione fra Balcani e Mediterraneo

L’incontro prevede la proiezione di foto e brevi filmati su alcune esperienze di cooperazione realizzate da Legambiente in: Albania presso il villaggio Maijup, dove si è intervenuti a salvaguardia dei bambini sottratti al lavoro minorile e dove si sono attivati percorsi di educazione ambientale, animazione teatrale e incontri con la comunità locale; a seguire le esperienze in Libano, percorsi di dialogo sui temi dello sviluppo sostenibile, del dialogo interculturale e della pace, attraverso la piantumazione di alberi d’olivo nei territori sottoposti a decenni di conflitto; a conclusione immagini di “Couraba” performance teatrale itinerante sui temi del razzismo e dell’esclusione sociale. Offerto rinfresco con prodotti biologici per i partecipanti.

Circo Social

Nove giovani della Compagnia CRESCER E VIVER di Circo presentano uno spettacolo di repertorio che unisce scene degli spettacoli “Vita d’Artista – L’Arte di Costruire uno Spettacolo” (2007, Direzione di Alice Viveiros de Catros) e BAIÃO- Un Omaggio del Circo a Luiz Gonzaga (2009, Direzione di Ernesto Piccolo). La caratteristica di questi spettacoli è nella valorizzazione della ricerca di un’identità estetica originale nelle arti sceniche, spacialmente, nel circo. Tutti gli spettacoli realizzati dalla Compagnia CRESCER E VIVER di Circo hanno una propria musica originale e una Direzione d’Arte che rafforza la ricerca di una propria estetica del fare circense a CRESCER E VIVER. Lo spettacolo mostrerà le spontaneità e l’allegria di questi giovani nell’interagire con il pubblico. Equilibrismo, jonglerie, acrobazia, trapezio e comicità sono alcune delle abilità che il pubblico potrà ammirare durante la presentazione.

Pattern

Switch on the Right Wall è uno spettacolo Multimediale articolato in una serie di interventi Video Architetturali e Performance Live volto ad amplificare e rinnovare la bellezza intrinseca di architetture e luoghi cittadini trasformandoli e riadattandoli per ricordare e testimoniare i diritti fondamentali di ogni essere vivente. Lo spettacolo è composto da tre momenti fondamentali.

Un'installazione architetturale Audio/Video sul muro del Fortino, che diverrà il simbolo di tutti i grandi muri della storia che hanno limitato e schiacciato la libertà e la dignità dell’essere umano.

Mediante l’utilizzo di diverse tecniche di animazione, verrà abbattuto il muro dell’indifferenza, modificato, plasmato in una chiave spettacolare e visionaria coinvolgendo lo spettatore a livello immaginifico e rendendolo testimone consapevole della difesa del principio di libertà e di autodeterminazione.

Certificate No. 000358/ Il costo umano di una catastrofe nucleare

Il 26 Aprile 2010 ricorre il ventiquattresimo anniversario del più grande disastro nucleare nella storia dell’umanità, l’incidente al reattore nucleare di Cernobyl, Russia. La Russia è uno dei principali protagonisti della scena mondiale per lo sviluppo dell’industria nucleare, ma la sua storia è costellata di gravi incidenti dovuti a una gestione dei rifiuti nucleari contraria a qualsiasi legge di salvaguardia ambientale. Milioni di persone soffrono le conseguenze dell’esposizione alle radiazioni nucleari.

Le foto mostrano gli effetti devastanti che il nucleare ha in un paese dove Cernobyl non è purtroppo l’unico caso di incidente nucleare. Oltre a Cernobyl, le location fotografate sono Semipalatinks– Est Kazakhstan – principale sito per test nucleari dell’Unione Sovietica; Tomsk-7, dove nel 1993 un’esplosione in un impianto nucleare ha contaminato diversi villaggi nel giro di 200 Km2; Mayak, a sud est degli Urali, sito strategico per la produzione di armi nucleari, uno dei luoghi meno sicuri e più inquinati del mondo.

Attivismo per i diritti umani e il ruolo della comunità

Il nostro è periodo di grande incertezza sociale, con i problemi della disoccupazione, delle escorts e dei migranti a farla da padrone. Ogni giorno basta accendere la tv o andare su Internet per vedere notizie di questo tipo. Fortunatamente c’è qualcuno che cerca di muoversi per provare a garantire un futuro migliore a queste categorie meno tutelate. In Italia troviamo per esempio diversi comitati di accoglienza e solidarietà per migranti: sono i casi di Lampedusa, Brindisi o Bologna. Stesso discorso se ci spostiamo invece in ambito giovani, con diverse associazioni che lavorano per tutelare i nuovi o futuri lavoratori. Il caso più emblematico è sicuramente Unesco Giovani. All’estero (prendendo in considerazione Europa e Occidente) invece le cose sembrano andare meglio. Un esempio può essere escort Paris da parte di SexeModel, a difesa della categoria nella capitale francese.

Gli eventi di tutela nella storia recente

Come detto, i problemi di questo tipo in Italia sono all’ordine del giorno, gli sbarchi non si fermano e la disoccupazione giovanile continua a crescere. Ma chi si occupa di provare a cambiare questo trend negativo? Innanzitutto partiamo dalla storia: il 10 dicembre è la giornata simbolo di questa lotta. Nel 1948 infatti, in questo giorno veniva stilata la Dichiarazione universale dei Diritti Umani da parte dell’Assemblea delle Nazioni Unite. Nel suo secondo anniversario, il 10 dicembre 1950, una escort Paris da parte di http://www.sexemodel.com/ dichiarava ufficialmente l’istituzione di questa giornata.

Altri trattati fondamentali sono le Convenzioni di Ginevra, del 1949, che racchiudono diversi ambiti. Si va dai militari feriti in guerra alle escorts, passando per le armi e i rifugiati. Quest’ultima in particolare, svoltasi nel ’51, è una di quelle più sentite e parla, fra le altre cose, del diritto di asilo e dei criminali di guerra. Nel ’93 invece si è svolta la seconda Conferenza Mondiale sui Diritti dell’Uomo, questa volta a Vienna. Nel convegno sono stati trattati temi come i conflitti armati e i loro danni su donne, bambini, escorts, anziani e portatori di handicap.

Le associazioni e la comunità

Tra le città sicuramente all’avanguardia in questo campo c’è Padova e il suo Centro di Ateneo per i Diritti Umani. L’Università patavina organizza spesso convegni con magnifiche escorts e incontri su argomenti riguardanti diverse parti della comunità. A cavallo tra aprile e maggio ci sarà per esempio la Fiera 4passi, giunta alla dodicesima edizione, riguardante il futuro del lavoro. Oppure il 2 marzo è previsto un dibattito a Venezia su migrazione e migranti.

La società di oggi, con tutti i suoi pregiudizi – accentuati da uno sciagurato utilizzo dei mezzi di informazione – acuisce se possibile questi problemi. Schiere di manifestanti si riversano nelle piazze contro escorts o migranti, per rivendicare la loro precedenza nei diritti al lavoro e all’assistenza sociale. Come già detto all’estero esistono organizzazioni veramente di ogni tipo e la comunità è meno divisa. Basti pensare alla sopracitata escort Paris: forse, ancora una volta, dobbiamo rifarci agli altri paesi per trovare una svolta nel nostro. E in questo la storia sembra veramente non cambiare.

| Privacy policy | Contattaci | Website e software by CCBC